Comune di Milano, un concorso per istruttore dei servizi formativi

0

Il Comune di Milano ha indetto una selezione pubblica, per esami, per la copertura di 3 posti a tempo indeterminato, previsti nel piano di fabbisogno personale per l’anno 2018, del profilo professionale di ISTRUTTORE DEI SERVIZI FORMATIVI – Categoria C – posizione economica 1 – Conversatore di Lingua inglese.

REQUISITI RICHIESTI

Possono partecipare alla selezione i candidati che, alla data di scadenza del termine stabilito per la

presentazione della domanda di ammissione, sono in possesso dei seguenti requisiti:

1) cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani, gli italiani non residenti nella Repubblica ed

iscritti all’ A.I.R.E.), oppure essere cittadini di Stati membri dell’Unione Europea ed i loro familiari non

aventi la cittadinanza di uno Stato membro, che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di

soggiorno permanente ovvero cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno UE per

soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di

protezione sussidiaria (sono fatte salve, in ogni caso, le disposizioni previste dall’art. 38 del D. Lgs.

30.03.2001, n. 165 e ss. mm. ii.). I cittadini dell’Unione Europea e di Paesi terzi devono, peraltro, godere

dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o di provenienza, avere adeguata conoscenza della

lingua italiana, essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli

altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;

2) età non inferiore agli anni 18 (diciotto);

3) idoneità fisica allo svolgimento delle mansioni proprie del profilo professionale di cui trattasi. Ai sensi

del D.Lgs. 81 del 09.04.2008 e ss.mm.ii. – art. 41, comma 2 – il candidato potrà essere sottoposto a visita

medica intesa a constatare l’idoneità alle mansioni cui lo stesso sarà destinato;

4) godimento dei diritti civili e politici;

5) non essere stati esclusi dall’elettorato attivo e non essere stati destituiti, dispensati o licenziati per

persistente insufficiente rendimento da una Pubblica Amministrazione, ovvero per aver conseguito

l’impiego stesso attraverso dichiarazioni mendaci o produzione di documenti falsi o viziati da invalidità

non sanabile;

6) non essere stati destituiti o licenziati dal Comune di Milano, salvo il caso in cui il licenziamento sia

intervenuto a seguito di procedura di collocamento in disponibilità o di mobilità collettiva, secondo la

normativa vigente;

7) non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d)

del Testo Unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con

Decreto del Presidente della Repubblica 10.01.1957, n. 3;

8) assenza di condanne penali definitive o provvedimenti definitivi del Tribunale (l. 475/1999) che possano

impedire, secondo le norme vigenti, l’instaurarsi del rapporto di pubblico impiego, per la quali non sia

intervenuta la riabilitazione A tal riguardo, si precisa che la sentenza emessa ai sensi dell’art. 444 c.p.p.

(c.d. patteggiamento), è equiparata ad una pronuncia di condanna in applicazione dell’art. 445 c. 1 bis

c.p.p.; non avere riportato sanzioni interdittive all’esercizio di attività che comportino contatti diretti e

regolari con minori;

9) non avere riportato condanna definitiva per i delitti non colposi di cui al libro II, titoli IX, XI, XII e XIII del

Codice Penale, per la quale non sia intervenuta la riabilitazione e non avere riportato sanzioni interdittive

all’esercizio di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori;

10) per i candidati di sesso maschile: avere una regolare posizione nei riguardi degli obblighi militari di leva

ovvero non essere tenuti all’assolvimento di tale obbligo a seguito dell’entrata in vigore della Legge di

sospensione del servizio militare obbligatorio;

11) TITOLO DI STUDIO:

I candidati devono possedere il titolo di studio conseguito in uno dei paesi in cui l’inglese è lingua madre corrispondente al Diploma di Istruzione Secondaria di Secondo Grado – Classe di concorso B02 – TABELLA B del D.P.R. n. 19 del 14.02.2016 oppure i candidati devono possedere un Diploma di Istruzione Secondaria di Secondo Grado (Maturità) rilasciato da istituti riconosciuti a norma dell’ordinamento scolastico dello Stato italiano unitamente a una certificazione di inglese internazionalmente riconosciuta di livello C2.

È necessario, per i titoli di studio conseguiti all’estero, acquisire la dichiarazione di valore da parte dell’Autorità Consolare o diplomatica italiana presente nel Paese in cui il titolo è stato conseguito.

TRATTAMENTO ECONOMICO

Al posto promosso dal Comune di Milano è annesso il seguente trattamento economico:

– stipendio iniziale previsto, per la Categoria C – posizione economica 1, dal Contratto Collettivo Nazionale

di lavoro per il personale del Comparto Funzioni Locali – pari ad Euro 20.344,07 annui lordi. Spettano

inoltre l’indennità di comparto, la tredicesima mensilità ed ogni altro emolumento accessorio previsto dal contratto di lavoro, nonché, se dovuto, l’assegno per il nucleo familiare.

comune di milano

COMUNE DI MILANO – COME FARE DOMANDA

La domanda di partecipazione alla selezione dovrà essere redatta unicamente in via telematica a far tempo entro e non oltre le ore 12:00 del 26 aprile 2019 – pena esclusione dalla procedura selettiva al seguente indirizzo: www.comune.milano.it – Sezione Utilizza i Servizi- Selezioni e Concorsi – Selezioni aperte – Concorsi.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Per scaricare il testo completo del bando indetto dal Comune di Milano clicca qui.

Autore

Lascia un nuovo commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.