Lavoro: in Italia una donna su due è inattiva, crescono differenze di genere

0

Quasi la metà delle donne in età da lavoro in Italia nel 2015 era fuori dal mercato: lo afferma Eurostat in un recente studio, secondo cui il 45,9% delle donne del bel paese nel 2015 non lavorava. Si tratta di un tasso di inattività tra i più alti d’Europa, secondo solo al dato registrato da Malta.

Il dato è contenuto in uno studio di Eurostat sulle persone al di fuori del mercato del lavoro, che sottolinea come il tasso di inattività dipenda strettamente da sesso, età e livello di educazione. Lo studio europeo cita anche la fascia di età tra i 25 e i 54 anni, il periodo in cui si dovrebbe essere più “attivi” sul mercato come occupati o in cerca di impiego. E’ in quella fascia che si rafforzano le differenze di genere in Italia, con appena l’8,6% di uomini inattivi in media Ue a fronte del 20,6% delle donne.

Autore

Redazione

La redazione di Lavoro e Carriere è composta da un team di web editor sempre aggiornati sui temi del mercato del lavoro e della formazione professionale.

Lascia un nuovo commento