Maternità a rischio cos’è: diritti e doveri

0

Abbiamo parlato recentemente di diritti e doveri delle donne lavoratrici in maternità, oggi ci concentriamo su una tipologia particolare di lavoratrici in attesa, quelle a cui è stata diagnosticata una maternità a rischio.

Maternità a rischio: cosa dice la legge

La legge parla di maternità a rischio quando ci si trova in presenza di gravi complicanze della gravidanza o di persistenti forme morbose che si presume possano essere aggravate dallo stato di gravidanza.

Maternità a rischio: diritti e doveri

L’accertamento della maternità a rischio e quindi la concessione dell’astensione dal lavoro per maternità anticipata è prerogativa delle Aziende sanitarie locali. I diritti sono quelli indicati nella nostra scheda dedicata alla maternità anticipata.

Gli enti a cui fare riferimento per far valere i propri diritti sono la Direzione territoriale del lavoro e la ASL. Questi enti sono stati indicati come gli unici a poter rilasciare l’autorizzazione all’astensione anticipata dal lavoro dal Decreto legge n° 5 del 9 febbraio 2012, che ha parzialmente riformato il testo unico sulla maternità.

La lavoratrice ha il dovere di recarsi presso l’Azienda Sanitaria Locale munita del certificato medico di gravidanza, del certificato attestante le gravi complicanze della gravidanza, nonché di qualunque altra documentazione che possa essere ritenuta utile ai fini della concessione della maternità anticipata.

Autore

Redazione

La redazione di Lavoro e Carriere è composta da un team di web editor sempre aggiornati sui temi del mercato del lavoro e della formazione professionale.

Lascia un nuovo commento