Bonus bebè: cosa occorre sapere

0

Il bonus bebè, o meglio l’assegno di natalità come correttamente dovrebbe essere chiamato, è un contributo di natura pubblica erogato dallo Stato tramite l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (Inps) ai tutti i genitori in possesso di determinati requisiti. Si tratta di un’erogazione una tantum, che viene rideterminata di anno in anno a seconda delle disponibilità economiche dello Stato tramite la Legge di Stabilità.

Bonus bebè: requisiti

Ecco i requisiti necessari allo stato attuale (agosto 2016) per ottenere il bonus bebè:

  • essere genitori di un figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2017;
  • situazione economica corrispondente ad un valore dell’Isee non superiore ai 25.000 euro annui.

L’importo annuo del bonus bebè o assegno di natalità è pari a 960 euro, da corrispondere mensilmente. Per i nuclei familiari in possesso di un Isee non superiore a 7.000 euro annui, l’importo annuale dell’assegno è raddoppiato. L’assegno è previsto per i figli di cittadini italiani o comunitari oppure per i figli di cittadini di Stati extracomunitari con permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo residenti in Italia.

Bonus bebè: come sarà nel 2017

Per il 2017 il Governo ha progettato un bonus bebè raddoppiato e fino a 5 anni, per far fronte al crollo demografico, almeno così è emerso da una recente proposta del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Ciò significa che per la nascita del primo figlio le famiglie potrebbero ricevere un aumento dell’assegno natalità da 160€ e a 320€ in base al proprio Isee, mentre per la nascita del secondo figlio, 80 euro. Con la Legge di Stabilità 2017 quindi le famiglie con due figli potrebbero fruire di:

  • 160€ per il primo figlio e 240€ per il secondo figlio con Isee inferiore a 25mila euro;
  • 320€ per il primo figlio e 400€ per il secondo figlio con Isee inferiore a 7mila euro.

Bonus bebè: come richiederlo

Il bonus bebè o assegno di natalità deve essere richiesto tramite l’apposito modulo online disponibile sul sito dell’Inps: per accedere occorre come per tutti gli altri servizi online erogati dall’Inps, il Pin dispositivo.
Il servizio consente di compilare e inoltrare all’Inps la domanda per il bonus bebè e di visualizzarne online l’esito. Al termine dell’istruttoria, il richiedente riceve un sms sul numero telefonico inserito in fase di registraazione che lo avverte che la domanda è stata definita. Da quel momento può visualizzare l’esito della domanda, sia in caso di accoglimento sia in caso di respingimento, accedendo nuovamente al servizio e selezionando nel menù interno la voce “consultazione domande”.

Autore

Redazione

La redazione di Lavoro e Carriere è composta da un team di web editor sempre aggiornati sui temi del mercato del lavoro e della formazione professionale.

Lascia un nuovo commento