Con il Jobs Act le aziende stanno assumendo?

1

Dopo l’entrata in vigore quasi definitiva del Jobs Act tutti si domandano se con le nuove norme approvate le aziende stiano assumendo: ecco cosa dicono i primi dati disponibili.

Con Il Jobs Act le aziende stanno assumendo? Il Ministro del Lavoro Poletti non ha mancato di manifestare ottimismo fin dai primi mesi dell’anno, quando ancora si attendeva l’approvazione del decreto attuativo principale, quello relativo al contratto a tutele crescenti.

Al di là del dato statistico puro, con la rilevazione ISTAT sulle forze lavoro di marzo 2015 che ha certificato per il momento una nuova contrazione dell’occupazione, anche altre ricerche offrono una visione meno ottimistica della situazione rispetto a quella proposta dagli ambienti governativi.

E’ il caso, ad esempio, dell’indagine presentata dalla società di recruiting Antal International: parliamo del “Global Snapshot” survey sul lavoro che ha coinvolto oltre 9.000 società in 40 Paesi nel mondo. Per quanto riguarda l’Italia, lo studio ha rilevato che, nell’ultimo trimestre in Italia, a causa della crisi economica nella quale da tempo si trova il paese, la percentuale delle imprese che ha assunto personale è scesa al 39%, il 12% in meno rispetto a settembre 2014. E’ inoltre aumentata dal 11% al 13% la percentuale di aziende che ha effettuato licenziamenti negli ultimi novanta giorni.

La previsioni dei responsabili della selezione delle aziende interpellate parlano tuttavia di una ripresa delle assunzioni nel prossimo trimestre: quanto questo sia dovuto ai timidi segnali di ripresa piuttosto che all’approvazione delle nuove norme sul lavoro non è dato sapere.

Interessanti, invece, altri aspetti della ricerca svolta da Antal, in particolare quelli che riguardano i settori in crescita ed in crisi occupazionale. Secondo la società di recruiting l’81% delle aziende IT e il 72% delle aziende che operano nel settore del Luxury sta assumendo in questo momento nuovi manager e professionisti.

I settori che assumeranno personale nel prossimo trimestre: nei prossimi mesi l’82% delle aziende che operano nel settore IT continuerà a crescere. Anche le aziende del settore ICT assumeranno personale nel 64% dei casi (+14% rispetto alla media mondiale del settore). Si prevede una buona crescita anche per le imprese del settore agricolo.

I settori che stanno licenziando personale: è impressionante il dato del manifatturiero, con il 30% delle aziende costrette a diminuire il proprio organico. Attualmente inoltre, tra i settori meno attivi in Italia ci sono quelli delle energie rinnovabili e della vendita al dettaglio. Rispettivamente il 4% e il 5% delle aziende che operano in questi settori stanno in questo momento riducendo il proprio personale.

Autore

Giornalista freelance, blogger e scrittore, inizia a collaborare a Lavoro e Carriere nel lontano 1999. Oggi è coordinatore editoriale della testata.

1 commento

  1. Pingback: Jobs Act: per 75% dei candidati non favorisce ricerca del lavoro

Lascia un nuovo commento