Concorso per ricercatori in Banca d’Italia

0

Concorso Banca d'Italia 2012La Banca d’Italia ha indetto un bando di concorso per l’assunzione di 15 persone nel ruolo di coadiutori per l’analisi economica territoriale delle filiali: si tratta di uno dei profili di ricercatori previsto nell’organigramma dell’Istituzione. I posti sono suddivisi su base territoriale: 2 dei 15 totali sono in Lombardia, a Milano. Per partecipare occorre essere laureati a pieni voti nella area giuridico-economico-gestionale e presentare domanda di partecipazione al concorso entro il 30 aprile 2012.
Il concorso riguarda l’inserimento in organico di persone con orientamento nelle discipline economico-politiche presso le unità di analisi e ricerca economica territoriale. In particolare i posti sono così suddivisi. 2 per Milano, uno per Trento, uno per Trieste, uno per Firenze, uno per L’Aquila, uno per Campobasso, uno per Napoli, uno per Bari, uno per Potenza, 2 per Catanzaro, uno per Palermo, uno per Cagliari
Le persone inserite svolgeranno in raccordo con l’Area Ricerca economica e relazioni internazionali di Bankitalia, attività di ricerca su temi di economia territoriale e di analisi dei fenomeni economici e finanziari a livello locale. Dovranno curare le relazioni con esponenti del mondo imprenditoriale e accademico nel territorio ed effettuare le rilevazioni statistiche condotte dalla Banca in ambito locale. Saranno inoltre coinvolti
nella redazione delle pubblicazioni economiche della Banca d’Italia a
livello regionale. La selezione è rivolta a economisti interessati a permanere stabilmente presso le unità territoriali prescelte, che abbiano conseguito una laurea specialistica o vecchio ordinamento con votazione non inferiore a 105/110 in discipline economiche, statistiche ma anche in giurisprudenza, scienze politiche, ingegneria gestionale.
Requisiti di partecipazione e bando integrale qui > Concorso Banca d’Italia 2012

(foto: Smeerch @flickr.com)

Autore

Redazione

La redazione di Lavoro e Carriere è composta da un team di web editor sempre aggiornati sui temi del mercato del lavoro e della formazione professionale.

Lascia un nuovo commento