YouPony: le spedizioni diventano “social”

1

Sta per debuttare la App che promette di rivoluzionare le spedizioni: intervista al fondatore, Rodolfo Falletti

YouPony, già il nome è un indizio importante: ognuno di noi in futuro potrà diventare un pony express, aiutando qualcun altro a spedire qualcosa e guadagnandoci pure. Ma cos’è YouPony? Non è l’ennesimo servizio proposto dalla grande multinazionale del settore, ma una App nata dall’idea di una vecchia conoscenza del web italiano, Rodolfo Falletti. Un altro mattone fondamentale per costruire una sharing economy matura sono proprio le spedizioni, ci ha spiegato in avvio d’intervista Falletti, una lunghissima esperienza nel mondo web in particolare nel settore dei classifieds, una prima esperienza con le App in Pagine Gialle, quando ancora questi strumenti non facevano parte della nostra vita quotidiana.

Come è nata YouPony

“Dovevo trasferirmi da Londra in Italia ed ero alla ricerca di un sistema di trasporto economico per spedire alcune mie cose impossibili da imbarcare in aereo – spiega il fondatore quando gli chiediamo come sia nata l’idea YouPony – Semplicemente mi è venuto in mente di guardare su BlaBlaCar se ci fosse qualcuno in partenza per l’Italia che potesse trasportare le mie cose, in furgone. Trovai un tizio che subito mi disse ok, ma che non era sicuro ci stessero le mie cose: da lì l’idea di scambiarci una foto (delle cose e del furgone), il primo embrione di YouPony”. Il viaggio di ritorno in Italia di Falletti diventa il momento di elaborazione primaria del progetto, che poi prende vita ufficialmente nel mese di marzo 2015.

Come funziona YouPony

Su YouPony ogni utente può utilizzare la app come “Pony”, cioè colui che trasporta o “Sender”, cioè colui che spedisce, scegliendo un percorso, una data, le dimensioni dell’oggetto da inviare o trasportare, il veicolo di trasporto, e compilando la pagina del proprio profilo con nome e cognome, indirizzo e-mail, numero di cellulare e foto del viso identificativa.

Una specie di BlaBlaCar delle “cose” insomma, ed una domanda che abbiamo fatto al fondatore: perché una App del genere se c’è già un competitor simile. “In realtà – dice Falletti – non esistono o meglio sono molto rari i casi di aziende che trasportano merci e persone. Anche nelle aziende che lo fanno, ad esempio Trenitalia o Alitalia, merci e persone sono gestite da compartimenti differenti, che nemmeno comunicano tra loro. Ecco perché abbiamo valutato l’esistenza di uno spazio vitale per una App per la spedizione di sole merci.”

Al primo posto per YouPony c’è la sicurezza degli utenti: quindi l’identità è molto importante e viene verificata al momento dell’iscrizione alla piattaforma. “E’ un sistema sicuro e facile da usare – spiega Rodolfo Falletti – che stimola gli utenti a collaborare con la massima trasparenza e in un clima di fiducia reciproca: il “selfie” finale al momento della consegna dell’oggetto è il suggello di ogni spedizione gestita da YouPony”. Grazie alle procedure di sicurezza, infatti, su YouPony gli utenti possono concordare fra loro in piena libertà le modalità di imballaggio, trasporto e pagamento, senza schemi vincolanti e dispendiosi. “Il pony quando accetta la spedizione attiva un QR code, che contiene tutti i dati relativi alla spedizione stessa e ai soggetti interessati, che permette di tenerla sotto controllo durante tutto il processo”, spiega Falletti. “Se qualcosa va storto, prima di tutto sender e pony possono contattarsi per telefono, poi possiamo intervenire noi avendo praticamente tutti i dati per rintracciare il pony, incluso l’Imei del suo telefono”.

Insomma, nel sistema YouPony la merce è sempre in mano ad un utente, non finisce in qualche deposito e per essere smistata, magari in modo automatizzato, e in numerosi casi persa. Un sistema come YouPony è più sicuro perché comporta grande responsabilità da parte degli utenti, la spedizione diventa personalizzata al massimo perché “Gli attori ci mettono la faccia”, afferma Falletti. Proprio per questo garantisce qualità, anzi oseremmo dire cure amorevoli: chi si prenderebbe mai la briga di iscriversi ad una App, metterci la faccia e tutti i dati personali per poi rovinare, perdere o peggio ancora rubare l’oggetto che qualcun altro gli ha affidato?

Perché utilizzare YouPony

“YouPony non è concorrente dei corrieri, perché si rivolge sia ai privati che ai professionisti – spiega Falletti – e soprattutto è molto più semplice. Non ha la difficoltà della miriade di opzioni che ogni corriere espresso propone al sender. Inoltre, qualsiasi trasportatore può mettere i suoi annunci di viaggio e partecipare al sistema mettendoci la “faccia”. Quindi per assurdo anche Poste Italiane o qualsiasi altra azienda di spedizioni potrebbe far parte della squadra di Pony, tramite un suo incaricato o delegato.” Poi è un sistema che semplifica ed è utile per tutte quelle commissioni che devono essere svolte nell’immediatezza del momento: “Devo fare una consegna urgente o ritirare esami clinici in giornata: controllo la disponibilità di un viaggio su YouPony e faccio tutto velocemente e in sicurezza.”

Un’opportunità di lavoro per molti

La diffusione delle spedizioni formato “social” YouPony può rappresentare un’opportunità di lavoro importante per tutte le persone che per lavoro o altri motivi viaggiano spesso: perché non guadagnare facendo i pony ed impegnarsi in un’attività che – inoltre – fa bene all’ambiente e al portafoglio di molte persone? Inoltre, YouPony, può rappresentare un’opportunità per tutti i piccoli trasportatori, di entrare in una rete che può far aumentare anche sensibilmente i propri fatturati.

CANDIDATI AD UN LAVORO CON YOUPONY, scarica la App per iOs o Android

Autore

Giornalista freelance, blogger e scrittore, inizia a collaborare a Lavoro e Carriere nel lontano 1999. Oggi è coordinatore editoriale della testata.

1 commento

  1. Marco Pedrini il

    Veramente geniale, complimenti !
    Sono un Responsabile Commerciale di una società di car sharing milanese, mi sono sempre occupato di mobilità di persone e cose, se Vi interessa sviluppare tale soluzione in ambito B2B sono disponibile ad un incontro conoscitivo.
    Trovate il mio profilo in linkedin.
    di seguito i miei riferimenti.
    Dr. Marco Pedrini – 333.8510147 – [email protected]

Lascia un nuovo commento