Operai per la produzione di nuove mascherine, 150 i posti disponibili

0

In seguito alla sottoscrizione del protocollo d’intesa firmato tra la città di Grugliasco, l’Agenzia Piemonte Lavoro e l’azienda MASKLAB srl, è stata avviata la fase operativa di ricerca e selezione delle unità lavorative che si renderanno necessarie a seguito del nuovo insediamento produttivo dell’azienda sul territorio grugliaschese. Nello specifico si cercano operai per la produzione di nuove mascherine.

Il tessuto economico di Grugliasco vede nascere una nuova attività economica sul territorio e l’arrivo di circa 150 nuovi posti di lavoro entro la fine dell’anno. La selezione del personale sarà seguita dal Centro per l’Impiego di Rivoli che attingerà le figure professionali richieste dall’azienda dall’elenco dei propri iscritti.

I profili ricercati sono 150 OPERAI/E ADDETTI/E MACCHINA.

REQUISITI RICHIESTI

È richiesta preferibilmente formazione/esperienza nel settore meccanico/elettronico. È necessaria inoltre la disponibilità ai turni, compreso il notturno.

operai per la produzione di nuove mascherine

Operai per la produzione di nuove mascherine – COME CANDIDARSI

Per candidarsi i lavoratori dovranno registrarsi sulla piattaforma: iolavoro.org/virtual o inviare una email a: [email protected]

ULTERIORI INFORMAZIONI

È possibile richiedere informazioni per la selezione rivolta a operai per la produzione di nuove mascherine presso il Centro per l’Impiego di Rivoli telefonando allo 011.9505211.

CHI È MASKLAB SRL

L’esperienza imprenditoriale dei fondatori della startup, tutti professionisti del territorio piemontese provenienti dal mondo della produzione industriale, abbinata alle competenze tecnologiche e innovative di Industrial Cloud, spin-off del Politecnico di Torino specializzato nella progettazione e realizzazione di impianti produttivi che seguono la logica dell’agile factoring, hanno permesso di creare la risposta italiana all’attuale domanda di mercato per la produzione di dispositivi di protezione individuale.

In un contesto in cui la vendita calmierata di mascherine chirurgiche ha spinto i rivenditori/distributori all’approvvigionamento in contesti extraeuropei, andando spesso a discapito della qualità, della tracciabilità e della trasparenza, la risposta di MaskLab è stata quella di puntare in modo spinto sull’innovazione e sulla tecnologia, realizzando un polo produttivo completamente basato in Italia. Attraverso l’impiego di macchinari e di impianti per la produzione di nuova generazione, abbinati a soluzioni di controllo e monitoraggio innovative e proprietarie, è stato possibile vincere la sfida sia sul costo di produzione, sia sulla qualità con i player stranieri, che puntano unicamente sull’elemento competitivo della manodopera a basso costo.

Autore

Avatar

Lascia un nuovo commento

18 − quattro =

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.