Comune di Novara: al via un concorso per educatori

0

Il Comune di Novara ha indetto un concorso pubblico per esami per la copertura a tempo pieno e indeterminato di n° 5 posti di EDUCATORE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER L’INFANZIA (EX EDUCATORE PRIMA INFANZIA) – CATEGORIA C – POSIZIONE ECONOMICA C1.

REQUISITI RICHIESTI

a) conoscenze teoriche relative allo sviluppo infantile da zero a tre anni di età, nelle sue diverse dimensioni fisico, psico-motorio, emotivo, relazionale, sociale, identitario, cognitivo e comunicativo;

b) capacità di riconoscere e promuovere competenze emotive, cognitive, senso-motorie, relazionali,

simboliche, comunicative delle bambine e dei bambini da zero a tre anni di età;

c) conoscenze teoriche e pratiche relative a cura, educazione e socializzazione delle bambine e dei bambini da zero a tre anni di età;

d) competenze relazionali e comunicative;

e) conoscenze e competenze relative al sostegno alla genitorialità e alla promozione delle relazioni con le famiglie;

f) conoscenze e competenze relative alla promozione del benessere psico-fisico e all’identificazione di condizioni di rischio, ritardo, disagio e disturbo nello sviluppo delle bambine e dei bambini da zero a tre anni di età;

g) conoscenze relative a pensiero, storia, normativa, organizzazione e funzionamento delle istituzioni educative per la prima infanzia in Italia;

h) conoscenze e competenze relative a progettazione, organizzazione e valutazione dei contesti e delle attività educative per la prima infanzia, considerando la complessità sociale esistente;

i) conoscenze e competenze relative ai contenuti delle proposte e alle metodologie educative nella prima infanzia;

j) conoscenze e competenze relative all’osservazione, valutazione e documentazione dei comportamenti delle bambine e dei bambini da zero a tre anni di età;

k) capacità di controllo emotivo e di gestione dello stress;

l) autonomia nella gestione dei processi educativi al fine di garantire livelli di qualità del servizio adeguati alle esigenze degli utenti di riferimento;

m)responsabilità delle attività assegnate e dei risultati relativi ai processi educativi e di erogazione di servizi;

n) attitudine alla sperimentazione didattica e all’aggiornamento professionale;

o) capacità di lavorare in équipe;

p) flessibilità, capacità di innovazione educativa e di risoluzione criticità.

COMUNE DI NOVARA – TITOLI E REQUISITI GENERALI E SPECIFICI PER L’AMMISSIONE

Per essere ammessi al concorso bandito dal Comune di Novara occorre essere in possesso dei seguenti titoli e requisiti:

Età non inferiore ad anni 18 e non superiore a quella prevista dalle norme vigenti per il

collocamento a riposo.

Essere cittadino italiano (sono equiparati gli italiani non appartenenti alla Repubblica) ovvero

essere cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea ovvero essere familiare di

cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea non avente la cittadinanza di uno

Stato membro, purché titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;

oppure essere cittadino di Paesi terzi (extracomunitari) purché titolare del permesso di

soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o titolare dello status di rifugiato ovvero

dello status di protezione sussidiaria. I cittadini dell’Unione Europea e di Paesi terzi devono peraltro

godere dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o di provenienza, avere adeguata

conoscenza della lingua italiana, essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della

cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica.

Godimento dei diritti civili e politici.

Non avere riportato condanne penali, né avere procedimenti penali in corso che, ai sensi

delle vigenti disposizioni di legge, vietino la costituzione del rapporto di impiego con la Pubblica

Amministrazione. (Si precisa che per la copertura del profilo professionale di cui al presente concorso, che implica

l’esercizio di attività a diretto contatto con minori o con adolescenti è richiesto di non aver subito condanne penali, con sentenza passata in giudicato, per delitti commessi con abuso, violenza, induzione o sfruttamento alla prostituzione, atti sessuali, corruzione, riduzione in schiavitù contro minori o adolescenti, ovvero per delitti connessi al commercio ed allo spaccio di sostanze stupefacenti).

Diploma di abilitazione all’insegnamento nelle scuole di grado preparatorio conseguito presso le Scuole Magistrali.

Diploma di maturità magistrale.

Diploma conseguito al termine dei corsi quinquennali sperimentali di Scuola Magistrale o di

Istituto Magistrale riconosciuti equivalenti a quelli elencati ai due punti precedenti a seguito di

progetti di sperimentazione autorizzati ai sensi dell’art. 278 del D. Lgs.vo 297/94.

  • Diploma di liceo psico-pedagogico.
  • Diploma di vigilatrice d’infanzia, (nel rispetto delle norme di cui all’art. 1 della Legge Regione Piemonte 17 marzo 1980, n. 16).
  • Diploma di Puericultrice.
  • Diploma di Dirigente di Comunità.
  • Diploma di tecnico dei servizi sociali.
  • Diploma di scuola media superiore unitamente ad attestato di qualifica professionale di

“Educatore Prima Infanzia” rilasciato a seguito di corso post diploma (ai sensi della Legge n°

845/78, delle Leggi Regione Piemonte, n° 63/95 e n° 44/2000) oppure ad attestato di qualifica

rilasciato dal sistema della Formazione Professionale per un profilo attinente ai servizi per la Prima Infanzia.

DIPLOMI UNIVERSITARI O DI LAUREA (Vecchio Ordinamento)

  • Diploma di Laurea in Pedagogia (vecchio ordinamento).
  • Diploma di Laurea in Scienze dell’educazione (vecchio ordinamento).
  • Diploma di Laurea in Scienze della formazione primaria (vecchio ordinamento).
  • Diploma di Laurea in Psicologia (vecchio ordinamento).
  • Master di Primo o Secondo Livello avente ad oggetto la Formazione della Prima Infanzia.

LAUREE TRIENNALI, SPECIALISTICHE O MAGISTRALI (Nuovo Ordinamento)

  • Laurea triennale in Scienze dell’educazione e della formazione, classe 18 o L-19.
  • Laurea triennale in Scienze e Tecniche psicologiche, classe 34 o L-24.
  • Laurea specialistica o magistrale in Programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi, classe 56/S o LM-50.
  • Laurea specialistica o magistrale in scienze dell’educazione degli adulti e delle formazione
  1. continua classe 65/S o LM-57.
  • Laurea specialistica o magistrale in Psicologia, classe 58/S o LM-51.
  • Laurea specialistica o magistrale in Scienze Pedagogiche, classe 87/S o LM-85
  • Laurea magistrale in Teorie e metodologie dell’e-learning e della media-education, classe LM-93
  • Laurea magistrale quinquennale a ciclo unico in Scienze della formazione primaria, classe LM85 bis.
  • Laurea magistrale quinquennale a ciclo unico in Scienze della formazione primaria, classe LM85 bis, integrata dal corso di specializzazione per complessivi 60 crediti formativi universitari.
  1. o titoli riconosciuti equipollenti o equiparati dalla normativa vigente – L. 341/90, D.M. 509/99,
  2. D.M. 270/04 – con espressa indicazione da parte del candidato della norma che stabilisce
  3. l’equipollenza (vedasi Decreto Interministeriale 9 luglio 2009 e ulteriore normativa pubblicata sul sito
  4. del MIUR ).
  5. Idoneità psico-fisica all’impiego e alle mansioni proprie previste per il posto: ai sensi del
  6. D.lgs. n. 81 del 9.4.2008 e s.m.i. – art. 41 – comma 2 – il candidato sarà sottoposto a visita medica
  7. intesa a constatare l’idoneità alla mansione cui lo stesso sarà destinato. Il giudizio medico positivo
  8. sarà indispensabile ai fini dell’assunzione.
  9. Assolvimento degli obblighi militari imposti dalla legge sul reclutamento (per i candidati
  10. italiani di sesso maschile nati entro il 31.12.1985) oppure posizione regolare nei confronti
  11. dell’obbligo previsto dagli ordinamenti del paese di appartenenza (solo per i cittadini non italiani).
  12. Non possono accedere agli impieghi coloro che siano stati esclusi dall’elettorato politico attivo e coloro
  13. che siano stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente
  14. insufficiente rendimento, ovvero coloro che siano stati dichiarati decaduti da un impiego statale ai
  15. sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d) del T.U. approvato con D.P.R. 10.1.1957 n° 3.
  16. Non possono accedere all’impiego coloro che sono stati collocati a riposo.

comune di novara

COMUNE DI NOVARA – COME FARE DOMANDA

Per essere ammessi gli interessati dovranno far pervenire la domanda entro e non oltre le ore 23.59 del 18 maggio 2020 utilizzando esclusivamente l’apposito portale “Sportello Unico Digitale/ CONCORSI – SELEZIONI PUBBLICHE” presente nel sito ufficiale del Comune di Novara.

Autore

Avatar

Lascia un nuovo commento

tre × 2 =

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.