Lavoro per laureati in Agraria a Milano

0

Lavoro per laureati in Agraria a MilanoOpportunità per laureati in scienze e tecnologie agrarie a Milano e provincia: ad offrirle la SO.GE.M.I., società che gestisce l’ortomercato di Milano e Morva, azienda del settore botanico. Le segnalazioni provengono dalla “bacheca lavoro” della Facoltà di Agraria di Milano.

SOGEMI
La SO.GE.M.I. società che gestisce l’ortomercato di Milano cerca laureati nel settore agrario da inserire nell’ufficio Rilevamento prezzi e statistica. L’attività prevede rilevazione prezzi (ortofrutta, ittico, floricolo, avicunicolo e carni), statistiche, perizie, analisi sull’andamento dei prezzi, grafici, elaborazione dati, controlli vari nei mercati.
I candidati ideali hanno massimo 30 anni, risiedono a Milano, conoscono i sistemi informativi ed hanno avuto eventuali esperienze lavorative nel settore dell’agroalimentare.
Si offre un contratto a progetto di un anno, con eventuale conferma a tempo indeterminato. Si lavora per otto ore e mezza al giorno da lunedì a venerdì, con inizio alle 7 di mattina circa.
Curriculum a: raimondo.bellantoni[at]mercatimilano.it

MORVA
Morva, azienda del settore botanico, ricerca con urgenza 2 candidati per lavoro di promoter durante la stagione primaverile 2012. La collaborazione consta nella vendita di prodotti per la nutrizione e la difesa di piante ornamentali ed orticole, presso i più prestigiosi punti vendita nelle province di Milano e Varese.
Viene offerto un contratto con ritenuta d’acconto fino a luglio.
Si richiedono una laurea nel settore agrario, cultura, conoscenze e passione del mondo della botanica. L’attività prevede vendita e consulenza specializzata su prodotti per la cura e la nutrizione delle piante, su cui comunque verrà data formazione.
Il lavoro si svolgerà solo il sabato e la domenica.
Curriculum a: morva[at]fastwebnet.it

(foto: delphaber @flickr.com)

Autore

Redazione

La redazione di Lavoro e Carriere è composta da un team di web editor sempre aggiornati sui temi del mercato del lavoro e della formazione professionale.

Lascia un nuovo commento