Agevolazioni per l’imprenditoria femminile nella regione Sicilia

0

Le agevolazioni per l’imprenditoria femminile nella regione Sicilia, come nelle altre regioni, sono gestite attraverso bandi specifici, spesso inclusi nei piani operativi regionali finanziati con risorse del Fesr, il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale. In particolare, la Regione Sicilia sta destinando parte dei fondi europei tramite il Po Fesr al sostegno delle imprese, tra cui quelle femminili.

Agevolazioni per l’imprenditoria femminile nella regione Sicilia: i contributi europei

La principale forma di agevolazione abbiamo visto è rappresentata dai contributi, anche fondo perduto, erogati nell’ambito del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale.
Tuttavia l’Unione Europea ha messo a disposizione per il periodo 2014-2020 – oltre ai “finanziamenti indiretti”, ovvero i Fondi Strutturali e di Investimento Europei (SIE) ed il Fondo di coesione il cui obiettivo principale è di ridurre le disparità economiche, sociali e territoriali tra le varie regioni europee, circa il 20 per cento del bilancio in finanziamenti gestiti centralmente da Bruxelles.
Tra i vari programmi finanziati con questi fondi c’è il Programma per l’Occupazione e l’Innovazione sociale (EaSI), la cui dotazione è in parte utilizzata (21%) per favorire l’accesso a microfinanziamenti e all’imprenditoria sociale con l’asse microfinanziamenti e imprenditoria sociale, oltre che per promuovere la parità tra uomini e donne.

Agevolazioni per l’imprenditoria femminile nella regione Sicilia: la L.R. 11 del 2011

Altre agevolazioni per l’imprenditoria femminile nella regione Sicilia sono l’esenzione dall’IRAP, per la quota spettante alla Regione Sicilia, prevista dalla L.R. 11 del 12 luglio 2011. Al fine di favorire lo sviluppo di nuova imprenditorialità giovanile e femminile la legge menzionata esenta dall’imposta regionale sulle attività produttive, limitatamente alla quota di spettanza della Regione, per i cinque periodi d’imposta la cui decorrenza è definita dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, le imprese che sono state costituite o hanno iniziato l’attività lavorativa negli anni 2011, 2012 e 2013 aventi sede legale, amministrativa ed operativa nel territorio della Regione Sicilia.
Per beneficiare dell’agevolazione è necessario che l’età del loro titolare, per le imprese giovanili, sia compresa fra i 18 e i 40 anni. Nel caso di organizzazione in forma societaria o cooperativa il requisito suddetto deve essere posseduto dalla maggioranza dei soci che rappresentino, inoltre, la maggioranza del capitale sociale o delle quote di partecipazione.

Autore

Redazione

La redazione di Lavoro e Carriere è composta da un team di web editor sempre aggiornati sui temi del mercato del lavoro e della formazione professionale.

Lascia un nuovo commento