Informatici cercansi disperatamente: lavoro in Eurosystem

1

L’azienda informatica Eurosystem lancia un appello per reclutare e figure professionali nell’ambito dell’Information Technology che non riesce a trovare da mesi.

Alcune aziende chiudono, altre si allargano e cercano personale. Laddove il tasso di disoccupazione avanza, in alcune realtà territoriali è difficile trovare del personale qualificato. È il caso di Eurosystem Spa, azienda di Treviso che si occupa di Information Technology che, oltre ad aver aperto di recente una sede a Bologna, cerca delle figure professionali già da diversi mesi senza esito, perché le candidature pervenute non sono figure specializzate.

Informatici introvabili

“Sono perplesso – dichiara Gian Nello Piccoli, Presidente Eurosystem SpA – perché abbiamo tutta la volontà di assumere delle risorse nuove che contribuiscano a valorizzare la linfa dell’azienda. I curricula arrivati non sono figure specializzate, questo mi fa riflettere sull’inadeguatezza della scuola italiana. Le Università italiane quanto conoscono le reali esigenze di chi lavora sul mercato? Il gap tra aziende e scuola è diventato davvero un baratro”.

La selezione

È per questo che Eurosystem Spa ha lanciato una call pubblica su sei profili specifici del settore IT che convoglierà alla fiera Punto di Incontro, che si terrà a Pordenone il 5 e 6 novembre 2015, fiera dedicata alla Formazione, all’Orientamento e al mondo del Lavoro.
L’annuncio pubblico di Eurosystem Spa è stato aperto il 20 ottobre con la ricerca dei sei profili elencati di seguito. Tra tutti i curriculum che perverranno entro il 2 novembre ne verranno scelti 10 che avranno diritto ad un colloquio con l’azienda i giorni della fiera di Pordenon. Alla riuscita del colloquio contribuirà anche la registrazione video, in loco, di un minuto della presentazione del candidato, che dovrà mettere in evidenza altri aspetti della sua persona che non emergono dal CV scritto.

L’incontro con i candidati

Sempre nell’ottica di favorire l’incontro tra chi cerca e chi offre lavoro il 5 novembre Eurosystem SpA ha organizzato all’interno della fiera un workshop dal titolo: Alla ricerca del candidato perfetto. Oltre le competenze, a cosa fa più attenzione un recruiter?”. I responsabili HR di alcune note aziende racconteranno il loro modo di fare recruiting, consigli pratici per chi sta cercando lavoro.

Le posizioni ricercate

Ecco le figure professionali ricercate:

  • Consulente Software Area Amministrativa
  • Consulente Software Area Gestionale
  • Consulente Software Area Produzione
  • Sviluppatore Software
  • Consulente tecnico hardware
  • Funzionario Commerciale

Candidature

I curriculum dovranno essere caricati sul sito della Fiera Incontro di Pordenone.

Autore

Redazione

La redazione di Lavoro e Carriere è composta da un team di web editor sempre aggiornati sui temi del mercato del lavoro e della formazione professionale.

1 commento

  1. Sì ma alla fine della fiera noi informatici veniamo sempre costantemente sottovalutati in Italia.
    Dobbiamo per forza andare fuori dall’Italia e spesso andare anche molto lontano per trovare un minimo di serietà.
    Sono anni che opero in maniera indipendente perché non ho mai trovato attendibilità in queste aziende che dicono che cercano disperatamente, girano e rigirano il curriculum più volte, fanno fare il colloquio e poi la solita risposta disarmante: “Le faremo sapere” (e invece non fanno sapere un bel niente, mentendo chiaramente).
    Quindi è del tutto logico che queste aziende non trovano nessuno da assumere, loro stessi non sono abbastanza competenti nell’identificare le figure adeguate.
    C’è anche da dire che molti informatici in Italia non hanno un loro blog o comunque non rendono note le specializzazioni in rete e non danno prova delle loro capacità, quando parlo con altri informatici e gli dico questo mi rispondono sempre: “Hai ragione, dovrei farlo (ma non lo fanno mai).
    In altre parole un informatico non dimostra le sue capacità su un pezzo di carta, lo dimostra coi fatti, in particolar modo con la rete.
    Quindi il proprio curriculum è la rete e queste aziende ancora non l’hanno capito.
    Di conseguenza non siamo noi informatici a parlare della rete ma deve essere la rete a parlare di noi informatici (basta googlare il nome per capire chi è l’informatico in questione).
    In ogni caso ho lavorato per anni da solo e approfitto di mostrare il mio lavoro in tanti anni di carriera (ben 16 anni ma di sicuro in Italia nemmeno questi bastano): http://www.shadowlionheart.it
    Sono comunque d’accordo sul fallimento delle scuole italiane e a tal proposito ho fatto anche un video: https://www.youtube.com/watch?v=Cn70HFmQbnU

Lascia un nuovo commento